Divieto di cumulo di indennizzo da polizza infortuni con risarcimento del danno del responsabile (Cassazione Civile n. 13233 del 2014)

Divieto di cumulo di indennizzo da polizza infortuni con risarcimento del danno del responsabile

  • Data:04

Quella in commento può essere definita una sentenza epocale che può incidere sui diritti degli assicurati e dei danneggiati.
Ed infatti la terza sezione della Corte di Cassazione ha stabilito il divieto di cumulo tra indennizzi assicurativi e risarcimenti civilistici- a fronte di un medesimo evento di danno – nella fase liquidativa.
Riportiamo il caso.
Un tale, a seguito di incidente mentre era a bordo di un veicolo, ha ottenuto l’indennizzo in virtù di un’assicurazione privata contro gli infortuni, nonché il risarcimento del danno da parte dell’assicurazione del responsabile.
La Suprema Corte ha osservato che l’assicurazione contro gli infortuni non mortali è soggetta alla disciplina delle assicurazioni contro i danni e in caso di infortunio l’assicurato non potrà cumulare l’indennizzo dovuto per effetto di essa, con il risarcimento dovuto dal terzo responsabile dell’infortunio. Il cumulo dell’indennizzo assicurativo con il risarcimento del danno, anche nell’assicurazione contro gli infortuni, è poi impedito dalle norme che disciplinano il risarcimento del danno.
Se, infatti, fosse consentito tale cumulo, verrebbe violato il principio di integralità del risarcimento, in virtù del quale il danneggiato non può, dopo il risarcimento, trovarsi in una condizione patrimoniale più favorevole rispetto a quella in cui si trovava prima di restare vittima del fatto illecito.
Escluso, quindi, ogni operativismo con le polizze vita, di cui le polizze infortuni non fanno parte, avente una natura indennitaria e quindi, soggette al divieto di ingiustificato arricchimento.
Di fatto il non si deve trasformare  in un’occasione di speculazione in cui il contratto diventa una scommessa nella quale puntando una certa somma (il premio) lo scommettitore può ottenere una remunerazione complessiva assai superiore al danno subito.
Pertanto, concludendo, indennizzo assicurativo e risarcimento non si possono cumulare perché il pagamento dell’indennizzo assicurativo, nell’assicurazione contro i danni, presuppone che esista un danno: se il terzo responsabile risarcisce la vittima prima che questa percepisca l’indennizzo, il credito risarcitorio si estingue per effetto dell’adempimento, e con esso il danno risarcibile.
Ciò per la semplice ragione che non v’è più alcun danno da indennizzare.
Come detto inizialmente risulta auspicabile un intervento chiarificatore delle Sezioni Unite considerato che l'orientamento espresso risulta pur sempre minoritario e contrario alla possibilità di cumulare indennizzo e risarcimento anche perché numerose compagnie si sono affrettate a pubblicare la loro intenzione di non agire in rivalsa.

Se hai bisogno di una consulenza in merito a questo argomento compila il form, ti contatteremo entro 24 ore.

captcha

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy & Informativa Privacy.

Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie.